Home Vestire sostenibile

Vestire sostenibile

Quanto costa (e quanto inquina) un costume? Ecco come scoprirlo!

Basta inserire tutte le informazioni dell’etichetta - composizione del tessuto, Paese di produzione e modello - e si potrà scoprire in un attimo il vero costo del costume appena comprato e, soprattutto, quanto inquinamento ha comportato la sua produzione. È la nuova piattaforma web VeroCosto.

Azienda Italiana lancia una linea di giacche che utilizza spinnaker e...

La giacca per andare in barca a vela? È fatta con le vele e con le mute riciclate. L’idea è di una azienda italiana, Sea Taylor, che già vende online abbigliamento made in Italy e sartoriale utilizzando tessuto recuperato da spinnaker e mute.

Emilia Romagna: le vecchie scarpe diventano pavimentazioni sportive

Avete mai pensato di correre sulle vostre vecchie scarpe da ginnastica? No, non indossandole, proprio sopra, su un pavimento fatto (anche) con le suole che non usate più. Lo stanno facendo in Emilia Romagna, con un’iniziativa che ha già coinvolto 50 comuni. Le scarpe vengono raccolte e trasformate in pavimentazione.

Il 12 aprile a Genova l’Eco-Fashion Day

Genova capitale della moda sostenibile il 12 aprile con la prima edizione dell’Eco-Fashion Day. Dalle 16.30 alle 19 presso il Palazzetto Rosso di via Garibaldi dibattiti tra esperti e una sfilata di laboratori sartoriali che puntano su artigianalità e sostenibilità.

La T-Shirt? Cattura lo smog (e la puzza)!

Una T-Shirt in cotone che "filtra" l'aria, grazie a inserti di un innovativo materiale che trattiene sostanze inquinanti, batteri e cattivi odori. Sarà in commercio da giugno 2018. A produrla è Kloters, giovane marchio italiano di moda.

Adidas, sfida per il 2024: riciclo della plastica oceanica per tutti...

Adidas, dopo il straordinario risultato del 2017 con la collaborazione di Parley, rilanciano per il 2024 l’intenzione di utilizzare plastica oceanica in ogni suo prodotto, per un oceano più pulito e un’economia sostenibile per l’ambiente a vantaggio dei consumatori.

Eco fashion week: la prima a Helsinki

Svolta eco per l’alta moda: a Helsinki la prima eco fashion week solo con capi prodotti con materiali riciclati o realizzati con fibre naturali e riusabili.

Tessile, Prato punta sul riuso per risolvere il problema rifiuti

È l’epicentro dell’industria tessile italiana ma non riesce a gestire gli scarti per carenza di impianti. E allora Confindustria Toscana Nord spiega agli associati che le fibre possono essere riutilizzate. Uno di quei casi in cui di necessità si fa virtù. E la risposta ai problemi sembra essere proprio l’economia circolare.

Ogni secondo un camion pieno di vestiti finisce in discarica o...

Solo l’uno per cento dell’abbigliamento viene riciclato per creare nuovi tessuti. E, oltre a danneggiare l’ambiente, senza economia circolare l’industria della moda spreca ogni anno 500 miliardi di dollari.

L’economia circolare? È (di) moda!

Un libro di Marco Ricchetti racconta come il settore del fashion si stia convertendo al green, a partire dall’utilizzo dei materiali.