Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Read More

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Economia circolare

Economia circolare, Europa al lavoro per attuare il Pacchetto

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Parola del commissario UE all’Ambiente Vella. Il primo rapporto solo a 5 anni dall’adozione. Ruolo chiave per enti locali.

Lavori in corso per la piena realizzazione del Pacchetto europeo sull’Economia Circolare. Lo assicura il commissario all’Ambiente Karmenu Vella, che però precisa che non potremmo non vedere un rapporto sui progressi nei prossimi 5 anni.

Vella ha aggiunto che il Pacchetto sull’Economia Circolare, annunciato a dicembre dello scorso anno, se completamente portato a termine, sarà una triplice vittoria per la società, in quanto farà risparmiare le imprese, creerà posti di lavoro e ridurrà l’impatto ambientale, comprese le emissioni di anidride carbonica.

“La realizzazione del piano d’azione è in corso – ha spiegato – L’anno scorso abbiamo lanciato inviti mirati all’interno del programma Horizon 2020 per “Industria 2020 nell’Economia Circolare” e la Commissione ha adottato la proposta per le vendite online dei prodotti. Un mese fa abbiamo presentato una nuova regolamentazione sui fertilizzanti, incluse misure per migliorare l’accesso al mercato dei fertilizzanti biologici e a base di rifiuti nell’Unione Europea”.

Vella ha annunciato che la Commissione sta preparando il nuovo piano di lavoro sull’Eco Design, per promuovere l’efficienza energetica, la riparabilità, la durevolezza, la modularità e la riciclabilità nella produzione di beni.

Il Pacchetto prevede un rapporto sui progressi a 5 anni dall’adozione, ma sembra che ci saranno aggiornamenti più frequenti agli Stati membri e al Parlamento Europeo.

Per Vella, città e regioni hanno un ruolo chiave da giocare sul fronte del passaggio a un’economia circolare, che include misure per il design dei prodotti, ma anche di prevenzione, riciclo e riuso dei rifiuti. Gli enti locali “sono normalmente responsabili per la raccolta differenziata, dell’informazione dei cittadini e dell’attuazione delle regole”, ha ricordato Vella, secondo cui città e regioni “sono quelli che possono incoraggiarne un’attuazione più intelligente sul terreno”.

Invito ad iscrizione newsletter - ITA

aziende


Serveco S.r.l.



vai alla scheda

Questo post è disponibile anche in: Inglese



Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Read More

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi